Iscriviti alla newsletter

Chi sono


Insegnare alla politica il rispetto delle leggi: l’intervista rilasciata ad Arnaldo Vitangeli

Insegnare alla politica il rispetto delle leggi: l’intervista rilasciata ad Arnaldo Vitangeli

Venerdì 17 febbraio sono intervenuta al Master Anticorruzione dell’Università di Tor Vergata, dove giovani esponenti della società civile hanno raccontato il loro impegno per la legalità e il difficile rapporto con la politica, spesso impegnata solo a parole nella lotta al cancro della corruzione. In tale occasione ho anche rilasciato un’intervista esclusiva al giornalista Arnaldo

Venerdì 17 febbraio sono intervenuta al Master Anticorruzione dell’Università di Tor Vergata, dove giovani esponenti della società civile hanno raccontato il loro impegno per la legalità e il difficile rapporto con la politica, spesso impegnata solo a parole nella lotta al cancro della corruzione. In tale occasione ho anche rilasciato un’intervista esclusiva al giornalista Arnaldo Vitangeli per la testata online “La finanza sul web“. In detta intervista ho illustrato la mia ricetta per la lotta alla corruzione, tema che oggi più che mai è fondamentale per il rilancio del nostro Paese. Personalmente ho aderito, assieme a molti altri parlamentari e dirigenti a tutti i livelli, alla campagna”Braccialetti Biachi” promossa da Riparte il futuro, che ha permesso ad ognuno di noi di poter esibire la propria trasparenza. Non finirò mai di ringraziare tutte le associazioni che si occupano del tema della lotta alla corruzione, le quali stanno portando avanti un lavoro eccellente, anche se questo da solo non basta. La politica, che è quella che decide, deve rendersi promotrice di buone pratiche e di iniziative legislative, volte a stimolare la diffusione di una cultura contro la corruzione. L’impegno sarà quello di verificare col Ministero dell’Istruzione, se esistono programmi specifici da portare all’interno delle scuole. Bisogna intervenire sui giovani poiché questi, se si sentono parte di un sistema corrotto, tendono a diventare essi stessi corrotti e corruttori. Bisogna inoltre riformare gli interventi che riguardano la giustizia, attraverso dei mezzi adeguati a disincentivare altri fenomeni corruttivi. E’ necessario lavorare sulla prevenzione e sulla punizione, altrimenti difficilmente avremo una classe dirigente che lotta contro la corruzione. Magari attraverso dei corsi rivolti ai politici che spieghino loro quali comportamenti debbano essere tenuti per non incorrere nella corruzione e fornendo loro anche gli strumenti adeguati a tale scopo. Stiamo andando nella direzione giusta: la legge sul conflitto d’interessi, passata alla Camera, appare in tal senso come un importante passo in avanti, così come la normativa relativa alla tutela dei whistleblowers. Continuare ad insistere su questi temi dunque è fondamentale, e a tal scopo ben vengano iniziative ed eventi, magari provando però a trasferire tali dibattiti dalle aule universitarie alle aule parlamentari.

Qui trovate il video integrale della mia intervista

admin
ADMINISTRATOR
PROFILE

Ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter

Chi sono